Su questo sito sono attivi cookie tecnici proprietari per la navigazione e il funzionamento del sito, cookie analitici di terze parti per aiutare cameo ed i suoi partner a capire come utilizzi il sito e cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CLICCA QUI e consulta la nostra Privacy e Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Notwendige Cookies
Diese Cookies sind notwendig, damit die Basisfunktionen von oetker.de genutzt werden können.
Notwendige und Performance-Cookies
Die Performance-Cookies helfen darüber hinaus die Nutzung von oetker.de zu analysieren, damit wir die Qualität laufend messen und verbessern können.
Notwendige, Performance- und Marketing- & Dritt-Cookies
Diese Marketing- & Dritt Cookies helfen uns zudem, auf anderen Plattformen personalisierte Inhalte von oetker.de anzuzeigen.

Francesca

in cameo dal 2004. Da Ricerca e Sviluppo Italia a Ricerca e Sviluppo Germania

Cosa pensi del sistema JR?
F: Lo vedo come la possibilità di scoprire nuovi ambiti aziendali, di mettermi alla prova e di cambiare lavoro senza cambiare azienda.

Come hai maturato l’idea di candidarti per la posizione?

F: Era un’ottima occasione per fare un’esperienza al di fuori rimanendo dentro l’azienda e questo per me era il massimo dell’opportunità. L’esperienza internazionale arricchisce a 360° e ti dà la possibilità di crescere come persona in generale.

Come  hai vissuto il fatto che si trattasse di un cambiamento temporaneo?

F: L’ho vissuta come una medaglia a due facce che se da una parte ti dà la certezza di non fare un salto nel vuoto perché sai che tornerai, dall’altra parte non arrivi a sperimentare fino in fondo i tuoi limiti perché hai sempre la rete di salvataggio del rientro.

Ti sei sentita accompagnata dall’azienda nel cambiamento?

F: Mi sono sentita sostenuta dalla parte italiana a livello di organizzazione iniziale; è ovvio che quando parti, ti senti un po' solo, per quanto ti possano sostenere. Non c’è nessun altro, oltre te stesso, ad affrontare questa nuova situazione.

Quale plus ti ha dato la nuova esperienza lavorativa?
F: Mi ha ridato molta energia e tanta voglia di fare, che avevo un po’ perso nella mia routine quotidiana.
Quando riesci a fare cose che in altre situazioni non avresti mai fatto, questo ti dà un’energia pazzesca ed una grande consapevolezza delle tue capacità. Il plus sta anche nel riuscire ad inserirsi in un ambiente nuovo, farsi accettare ed avere una visione più alta di come funziona l’azienda.

Quali sono state le principali difficoltà legate al cambiamento?

F: E’ sempre un grosso limite la lingua; il livello di comunicazione è molto diverso, soprattutto nei primi mesi, e quindi ti senti in qualche modo limitata. A livello relazionale non ho avuto tantissime difficoltà, mentre a livello lavorativo le persone non erano preparate ad accogliere una persona nuova e di un altro paese: questa esperienza nel reparto era una novità assoluta.

Consiglieresti l’esperienza ad un collega? Se sì, perché?
F: Assolutamente sì perché è un arricchimento personale e lavorativo, assolutamente un’occasione da non perdere.
A nessuno però direi di farlo dall’oggi al domani: è comunque un’esperienza molto faticosa che ti porta a scontrarti con i tuoi limiti.