Su questo sito sono attivi cookie tecnici proprietari per la navigazione e il funzionamento del sito, cookie analitici di terze parti per aiutare cameo ed i suoi partner a capire come utilizzi il sito e cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CLICCA QUI e consulta la nostra Privacy e Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Notwendige Cookies
Diese Cookies sind notwendig, damit die Basisfunktionen von oetker.de genutzt werden können.
Notwendige und Performance-Cookies
Die Performance-Cookies helfen darüber hinaus die Nutzung von oetker.de zu analysieren, damit wir die Qualität laufend messen und verbessern können.
Notwendige, Performance- und Marketing- & Dritt-Cookies
Diese Marketing- & Dritt Cookies helfen uns zudem, auf anderen Plattformen personalisierte Inhalte von oetker.de anzuzeigen.

Davide

in azienda dal 2002. Da Addetto Miscelazione a Impiegato Ufficio Tecnico

Cosa pensi del sistema JR?
D: Penso che sia uno strumento molto utile, un’importante iniziativa dell’azienda. Comunque dà la possibilità di crescere e provare nuove mansioni.

Come hai maturato l’idea di candidarti per la posizione?

D: Mi sembrava che rispetto ad altre posizioni aperte fosse quella che potesse rispecchiare meglio le mie possibilità e competenze. Nel mio vecchio reparto svolgevo quasi tutte le attività e non sembrava che ci fosse la possibilità di svolgerne altre e di evolvere quindi la mia posizione, almeno nell’immediato.

Come  hai vissuto il cambiamento?

D: Bene, con voglia di fare e di imparare. Bene anche perché mi hanno messo nella condizione di far bene, senza pressioni e lasciandomi il tempo che mi serviva per imparare.

Ti sei sentito accompagnato dall’azienda nel cambiamento?
D: L’azienda mi ha aiutato, soprattutto mettendomi a disposizione una persona che mi ha seguito e mi ha insegnato, anche se comunque la stessa aveva parecchio da fare. L’azienda l’ho sentita vicina.

Quale plus ti ha dato la nuova esperienza lavorativa?

D: Mi ha messo in contatto con persone esterne all’azienda, mi ha insegnato nuove mansioni e mi ha responsabilizzato. Sono stato lasciato libero di fare e anche di sbagliare.

Quali sono state le principali difficoltà legate al cambiamento?
D: Forse il primo impatto, la fase di inserimento, l’impatto del dover imparare tante cose che all’inizio sembrano troppe ma poi ti rendi conto che non è così.

Consiglieresti l’esperienza ad un collega? Se sì, perché?

D: Sì, perché penso sia, comunque vada, utile per mettersi in gioco. Non vedo perché non farlo.