Su questo sito sono attivi cookie tecnici proprietari per la navigazione e il funzionamento del sito, cookie analitici di terze parti per aiutare cameo ed i suoi partner a capire come utilizzi il sito e cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CLICCA QUI e consulta la nostra Privacy e Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Notwendige Cookies
Diese Cookies sind notwendig, damit die Basisfunktionen von oetker.de genutzt werden können.
Notwendige und Performance-Cookies
Die Performance-Cookies helfen darüber hinaus die Nutzung von oetker.de zu analysieren, damit wir die Qualität laufend messen und verbessern können.
Notwendige, Performance- und Marketing- & Dritt-Cookies
Diese Marketing- & Dritt Cookies helfen uns zudem, auf anderen Plattformen personalisierte Inhalte von oetker.de anzuzeigen.

Roberto

in azienda dal 2006 Da Carrellista Magazzino a Impiegato Ufficio Logistica Secchi

Cosa pensi del sistema JR?
R: Nella mia precedente esperienza in cameo la Job Rotation non era nemmeno pensabile, se ad esempio iniziavi come magazziniere terminavi per forza la tua attività lavorativa come magazziniere, nonostante magari si facessero diverse richieste ai superiori. La Job rotation è una cosa molto positiva perché si può tirar fuori alla persona quello che facendo un altro lavoro può rimanere sommerso, come la grinta e la voglia di fare.

Come hai maturato l’idea di candidarti per la posizione?

R: Perché si parlava di secco e quindi di un prodotto che conosco da vent’anni e un po’ anche perché conoscevo il responsabile e avevo stima di lui, e anche questo mi ha dato la spinta. Mi piaceva inoltre l’idea di avere un lavoro con una buona autonomia operativa.

Come  hai vissuto il cambiamento?
R: I primi quindici giorni non dormivo la notte; mi creava ansia il fatto di non sapere se sarei stato o meno in grado di far fronte alle aspettative aziendali, perché l’azienda mi aveva dato fiducia. Ad un certo punto però mi sono  reso conto che quell’atteggiamento non stava favorendo il mio apprendimento.

Ti sei sentito accompagnato dall’azienda nel cambiamento?

R: Mi sono sentito accompagnato perché per qualsiasi mia perplessità o problema sapevo che c’era sempre una porta aperta.

Quale plus ti ha dato la nuova esperienza lavorativa?
R: Dal punto di vista personale mi sono rapportato con più persone; mi sento più responsabile ora e vivo l’azienda come se fosse un pezzettino mia.

Quali sono state le principali difficoltà legate al cambiamento?
R: Il fatto di provenire da un reparto totalmente diverso e di entrare per la prima volta a far parte del mondo degli uffici. All’inizio è stato abbastanza difficile, ma ho avuto anche delle colleghe che mi hanno aiutato e devo dire che anche il mio caporeparto c’è sempre stato.

Consiglieresti l’esperienza ad un collega? Se sì, perché?
Sicuramente sì perché impari sempre cose nuove, ti rapporti con persone nuove e diverse e non rimani chiuso nel tuo unico ambiente di provenienza. E’ sempre comunque un’esperienza e come tale ti arricchisce.