Su questo sito sono attivi cookie tecnici proprietari per la navigazione e il funzionamento del sito, cookie analitici di terze parti per aiutare cameo ed i suoi partner a capire come utilizzi il sito e cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CLICCA QUI e consulta la nostra Privacy e Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Cookies necessari/tecnici
Questi cookies sono necessari per consentire la navigazione sul sito e l’utilizzo delle sue funzionalità
Cookies necessari/tecnici e analitici
Questi cookie raccolgono informazioni anonime e aiutano ad analizzare e migliorare le performance del sito nonché a valutare le interazioni degli utenti con il sito
Cookies necessari/tecnici, analitici e di terza parte
Questi cookies sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle tue abitudini di navigazione con lo scopo di proporti messaggi pubblicitari i più possibili rilevanti per te e per i tuoi interessi mentre navighi su altri siti.

Dolci senza cottura: come avviene il raffreddamento in frigorifero

La conservazione di un piatto è molto importante: se sbagliata, può compromettere ore di lavoro, oltre che rendere pericoloso il consumo del prodotto. Il suo obiettivo, infatti, è quello di allungare la vita degli alimenti, preservandone le proprietà qualitative e organolettiche. La conservazione in pasticceria si può effettuare su tre tipologie di prodotto: crudo, cotto da farcire, cotto e farcito.
Oggi vediamo in particolare il raffreddamento in frigorifero dei dolci senza cottura che, oltre ai motivi sopracitati, serve per modificare le consistenze del dessert e deve avvenire gradualmente. 

 

Come funziona il raffreddamento in frigorifero

Per prima cosa specifichiamo che i frigoriferi e i congelatori, come tutti sanno, sono degli elettrodomestici utilizzati per la conservazione del cibo. Il loro meccanismo è molto semplice: abbassando la temperatura dei prodotti al di sotto di quella ambientale, si rallenta la moltiplicazione di quei microrganismi che provocano il deterioramento degli alimenti. Infatti, in frigorifero la temperatura di conservazione deve essere mediamente di 4°C e nel congelatore di -18°C.


Come avviene il raffreddamento in frigorifero dei dolci senza cottura

Anche per quanto riguarda i dolci senza cottura la procedura di raffreddamento è indispensabile per conservarli, tuttavia nella maggior parte dei casi serve anche per modificarne la consistenza: si deve rassodare il composto affinché i vari ingredienti si amalgamino ulteriormente. È importante però che il processo di raffreddamento avvenga gradualmente: per prima cosa si devono far raffreddare i piatti a temperatura ambiente, per poi successivamente inserirli in frigorifero o nel congelatore. Ricordatevi inoltre di coprire con la pellicola trasparente gli alimenti, o di inserirli in un contenitore, prima di inserirli nel frigorifero.


Raffreddamento in frigorifero o surgelazione in freezer?

Solitamente il frigorifero viene preferito al freezer nei casi in cui il dolce verrà finito entro pochi giorni, o nei casi in cui deve essere consumato entro poche ore. Infatti, poiché la refrigerazione avviene a temperature relativamente alte (intorno ai 4°C), i prodotti avranno una vita abbastanza breve, ossia manterranno le loro proprietà solamente per pochi giorni.


Al contrario, il congelamento in freezer regala una vita decisamente più lunga al dolce ed è più indicato, dunque, per tutti quei dolci che dovranno essere consumati in molti giorni, o per quei dessert, come il gelato, che necessitano temperature molto basse per mantenere la giusta consistenza.